Sofia Ventura a “Faccia a faccia” – AUDIO

– Pubblichiamo su Libertiamo.it l’audio integrale della puntata di martedì 1 settembre della trasmissione “Faccia a Faccia” di Radio3, condotta da Ritanna Armeni, ospite in studio Sofia Ventura.

La conversazione, cominciata sui temi della più stretta attualità (il caso Giornale-Boffo), si è poi articolata su argomenti come il “velinismo” della destra italiana, su cui esplose la polemica poco prima delle ultime elezioni europee, per passare a parlare di Gianfranco Fini, di laicità e di partiti politici.

Grazie al servizio podcast di Radio Rai 3 per l’audio della trasmissione.


2 Responses to “Sofia Ventura a “Faccia a faccia” – AUDIO”

  1. Alberto Scarcella ha detto:

    L’attualità sono i problemi quotidiani delle persone che vivono e lavorano. Questa non è attualità, è polemica su argomenti irrilevanti ai quali viene attribuita un importanza che non hanno grazie alla copertura mediatica, in assenza della quale alla gente non potrebbe fregare di meno.

    Le veline resteranno in parlamento e alla faccia della sig. Ventura diventeranno Ministre e Presidenti, perchè hanno una bella laurea in Economia o in Giurisprudenza oltre che il corpo statuario.

    Le veline vengono scelte dai partiti perchè la loro bellezza attrae voti e promuove l’immagine del partito agli occhi di tutti gli imbecilli che non hanno un minimo di cultura e di senso di responsabilità. Ma che nella non-logica democratica continuano ad essere parificati agli altri.

    Le veline sono il risultato di quel sistema che tutti si ostinano a difendere, pur proclamandosi “liberali” o peggio, libertari…La Democrazia Popolare.

  2. Piero Sampiero ha detto:

    Non riesco a capire la critica a Feltri, il quale fa il suo mestiere di direttore di giornale: sulla sua indipendenza non mi pare possano esservi dubbi.

    L’attacco a Boffo nasce da una reazione ai tentativi di linciaggio nei confronti del premier, usando l’arma impropria della denigrazione personale, per colpire in effetti la politica del governo.

    Sulle veline, pur stimando profondamente la Ventura, ho già espresso un parere negativo: una polemica un po’ pretestuosa, che richiama da vicino le contestazioni strumentali e grottesche della Guzzanti.
    Ci sarà pure stato qualche errore d’impostazione, ma mi pare che, nel complesso, il ruolo femminile nella politica sia stato valorizzato dall’attuale governo, anche se i meccanismi di scelta dei candidati (uomini e donne) meritano di essere proficuamente rivisti, alla luce dei criteri di selezione seguiti in altri partiti europei.

    Concordo con le valutazioni espresse sulla costruzione dell’immagine di Fini e sulla successione nella guida del Pdl, che dovrebbe articolarsi in una ‘leadership’ fondata non tanto (o non soltanto) sul carisma personale, quanto su un progetto politico di ampio respiro,che superi l’antinomia destra-sinistra e sia aperto al rinnovamento delle idee, per la soluzione concreta e lungimirante dei problemi della società attuale.

Trackbacks/Pingbacks