Categorized | Capitale umano, Comunicati

Lavoratori clandestini: Della Vedova, espulsioni di massa impraticabili, occorre regolarizzare

– La linea “dura” finirà per essere “equivoca”.

Dichiarazione di Benedetto Della Vedova, deputato del Pdl

E’ positivo che le parole pronunciate ieri dal Ministro Scajola abbiano aperto una discussione vera e dura all’interno della maggioranza e in particolare del Pdl.
Nessuno propone sanatorie generalizzate, ma non possiamo fingere che non esista la questione di almeno 250.000 lavoratori e non so quante decine di migliaia di datori di lavoro “clandestini”, che in realtà non sono affatto tali (negli archivi del Viminale stanno, in buona parte, i nomi e i cognomi degli uni e degli altri, nelle pratiche di assunzione inoltrate in base ai decreti-flussi). Non ci sono alternative: o il governo li regolarizza oppure procede nei loro confronti secondo quanto la legge stabilisce, con processi e espulsioni di massa (all’espulsione gli immigrati, a pene detentive i datori di lavoro)
Dobbiamo prendere atto che una tale espulsione di massa non solo è impraticabile, ma sarebbe controproducente perché danneggerebbe l’economia e non consentirebbe di fare emergere base imponibile, fiscale e contributiva.  Perché dunque, insistere con una “linea dura” che nei fatti non sarà “dura”, ma alla fine semplicemente  “equivoca”? Togliamo da limbo quelle centinaia di migliaia di lavoratori e datori di lavoro e avremo fatto semplicemente una operazione di buon governo.

Roma, 3 agosto 2009


One Response to “Lavoratori clandestini: Della Vedova, espulsioni di massa impraticabili, occorre regolarizzare”

  1. Claudio V. ha detto:

    Siamo alle solite, prima ci si oppone a quei provvedimenti che per quanto possibile cercano di arginare e regolare l’entrata di immigrati clandestini (come per esempio i respingimenti in mare aperto) e poi quando il danno è fatto e sul nostro territorio si trovano qualche centinaia di migliaia di irregolari si dice “eh ma mica possiamo espellerli tutti, tanto vale regolarizzarli!”
    Solito copione…

Trackbacks/Pingbacks