Categorized | Capitale umano, Comunicati

Ha ragione Scajola, regolarizzare non solo badanti

Dichiarazione di Benedetto Della Vedova, deputato del Pdl

Le parole del ministro Scajola sulla opportunità di andare oltre le sole colf e badanti nella regolarizzazione dei clandestini che lavorano stabilmente nel nostro paese, dimostrano visione politica oltre che buon senso.
Avendo sancito per legge il reato di clandestinità (ingresso e soggiorno), ora non è più tempo di proclami ideologici, ma di buon governo. Per questo, con un po’ di sano pragmatismo, è bene che la opportunità di regolarizzazione venga estesa da famiglie e badanti anche a quelle imprese e a quei lavoratori stranieri altrimenti condannati allo stato di “delinquenti”. Che per altro, non sono pochi, né offrono un contributo irrilevante alle sorti dell’economia italiana: senza ulteriori provvedimenti rimarrebbero “irregolari” tra i 250 e i 300mila lavoratori extracomunitari (calcolando esclusivamente quanti hanno presentato richiesta di assunzione in base ai decreti flussi 2007 e 2008), impiegati nelle imprese italiane, soprattutto nelle costruzioni, nell’agricoltura, nel turismo, nell’industria manifatturiera e nel commercio al dettaglio. Si tratta di una cifra pari a circa il 10% della popolazione extracomunitaria regolarmente soggiornante (dati 2008).
Non vi è alcuna ragione economica e neppure di ordine pubblico che sconsigli una misura di che assicurerebbe risorse fiscali e contributive e consentirebbe di concentrare l’attenzione sugli aspetti dell’immigrazione clandestina che destano allarme sociale; e non penso che sia il caso dei pizzaioli, dei mungitori o dei magazzinieri.


Autore: Benedetto Della Vedova

Nato a Sondrio nel 1962, laureato alla Bocconi, economista, è stato ricercatore presso l’Istituto per l’Economia delle fonti di energia e presso l’Istituto di ricerca della Regione Lombardia. Ha scritto per il Sole24Ore, Corriere Economia, Giornale e Foglio. Dirigente e deputato europeo radicale, è stato Presidente dei Riformatori Liberali. Presidente di Libertiamo, è stato capogruppo di Futuro e Libertà per l'Italia alla Camera dei Deputati. Attualmente, è senatore di Scelta Civica per l'Italia.

Comments are closed.