– da Il Foglio del 17 luglio 2009- Al direttore. Ma davvero pensava che ci fosse qualche parlamentare di un paese tutto sommato libero come il nostro che avrebbe votato contro la richiesta che in Cina non si usi l’aborto forzoso per contenere le nascite? O contro “il diritto di ogni donna a non essere costretta ad abortire”? Suvvia, direttore, l’acqua calda del furbetto Buttiglione non merita tanto inchiostro e non ha nulla a che spartire con la sua pugnace battaglia per la moratoria universale sull’aborto. Quella campagna e quella Lista elettorale non erano un espediente parlamentare, ma chiamavano ad una lotta vera, nazionale e non solo internazionale, contro qualsiasi attacco alla vita “dal concepimento fino alla morte naturale”. Quella, per me che l’ho osteggiata, era un’iniziativa seria che meritava discussione e mobilitazione. Quel che abbiamo approvato ieri l’altro –  io ho votato anche a favore delle mozioni che chiedevano l’altra cosa per me ovvia, cioè che le tecniche anticoncezionali che quasi tutti noi abbiamo nella nostra vita utilizzato e/o suggerito ai più giovani di utilizzare contro le gravidanze non desiderate, possano essere scelte anche da chi vive in Asia o in Africa  – era scritto in modo da acquietare le coscienze, non da smuoverle. – Benedetto Della Vedova

Non faccia il furbetto. La mozione è passata a maggioranza, perché molti si sono astenuti, per paura delle cose belle, e qualcuno come lei ha votato a cazzo di cane, l’uno e l’altro per lei pari sono. Respingo gentilmente i suoi complimenti postumi, se servono a sputazzare conformisticamente sull’iniziativa Buttiglione: per una volta, si legga Sofri e stia all’elemento semplice delle cose. La Camera ha votato contro l’aborto di stato e la pianificazione familiare obbligante, buona scelta, meglio del suo palloncino-bandiera. Ottima. – Giuliano Ferrara

da Il Foglio del 18 luglio 2009 – Al Direttore. Ho seguito il suo consiglio e ho letto il pezzo di Sofri. “Presidente Buttiglione, chiedo di apporre la mia firma alla mozione Sofri su aborto e altro, pubblicata su Repubblica il 16 luglio… Non è una mozione parlamentare? Non si può fare? Facciamo lo stesso dai, noi si lavora così: come dice Ferrara, un po’ a cazzo di cane”. – Benedetto Della Vedova

Ora ci siamo. Dovreste farle voi certe battaglie, cari amici libertari che scambiate il diritto umano di scegliere con l’eliminazione dell’umano. – Giuliano Ferrara

E’ disponibile, alla fine di questo articolo, l’audio dell’intervento pronunciato il 15 luglio scorso da Benedetto Della Vedova alla Camera dei Deputati.

Segnaliamo su Libertiamo.it le sezioni Multimedia, You Tube, Podcast e la possibilità di scaricare i nostri file da iTunes

Fonte Radioradicale.it Licenza 2.5 Ita