Dichiarazione di Benedetto Della Vedova, deputato del Pdl:

“Zaia fa bene a preoccuparsi per la diffusione dell’infestazione da diabrotica nelle coltivazioni di mais italiane. Ma il ministro dovrebbe riflettere sulle alternative che la scienza offre per garantire, a parità di sicurezza per l’ambiente e i consumatori, una produzione di mais meno attaccabile dalla diabrotica.
Se Zaia non rallentasse – ormai da mesi – l’iter dei provvedimenti di autorizzazione della sperimentazione in campo aperto degli ogm, in particolare del mais, nel giro di pochi anni l’Italia potrebbe giovarsi, come già accade negli Stati Uniti, di specie di mais sicure e meno attaccabili da agenti infestanti.
Ne avrebbero un beneficio i produttori, i consumatori e lo stesso equilibrio ambientale.
La chiusura ideologica e superstiziosa agli ogm è una della cause dell’emergenza di oggi e rischia di esserlo anche per quelle di domani”.