Categorized | Biopolitica, Comunicati

Fecondazione: Da Tribunale Bologna decisione saggia

Dichiarazione di Benedetto Della Vedova, deputato del Pdl

La decisione del Tribunale di Bologna di consentire il ricorso alla fecondazione assistita anche alle coppie non sterili, in presenza di malattie genetiche trasmissibili, si adegua alla recente sentenza della Consulta ed inquadra la legge 40 in una cornice giuridicamente coerente con le disposizioni costituzionali.
Non penso sia giusto accusare i tribunali di continuare ad “attaccare” le norme più qualificanti della legge 40. Penso che i giudici civili, come quelli amministrativi e costituzionali abbiano via via evidenziato e censurato le incongruenze delle sue disposizioni più “massimaliste” rispetto ai principi generali dell’ordinamento giuridico in tema di autonomia dei medici e diritto alla salute delle donne.
Inoltre, continuo a non comprendere la pretesa di vietare, attraverso la diagnosi pre-impianto, la selezione degli embrioni e di continuare a consentire la diagnosi prenatale e l’aborto terapeutico.  Non ci sarebbe nulla di male se a tutte le coppie italiane, e non solo ai ricorrenti di Bologna, venisse riconosciuto ciò che è assodato nella gran parte degli altri paesi europei.

Roma, 1 luglio 2009


Autore: Benedetto Della Vedova

Nato a Sondrio nel 1962, laureato alla Bocconi, economista, è stato ricercatore presso l’Istituto per l’Economia delle fonti di energia e presso l’Istituto di ricerca della Regione Lombardia. Ha scritto per il Sole24Ore, Corriere Economia, Giornale e Foglio. Dirigente e deputato europeo radicale, è stato Presidente dei Riformatori Liberali. Presidente di Libertiamo, è stato capogruppo di Futuro e Libertà per l'Italia alla Camera dei Deputati. Attualmente, è senatore di Scelta Civica per l'Italia.

Comments are closed.