– “La Lega ha auspicato l’adozione di gabbie salariali a livello regionale, intendendo che il salario nelle varie regioni debba essere calcolato tenendo conto delle differenze di costo della vita nelle varie regioni. Non è una proposta accettabile, in questo concordo con Gianfranco Fini”. A sostenerlo è Antonio Martino, nel corso del suo consueto video-editoriale per Libertiamo.it

“La soluzione del problema è l’applicazione del principio della libertà di contratto in tutti i casi”. Per l’economista del Pdl, la libertà di contratto dovrebbe consentire “di individuare attraverso la contrattazione fra il datore e i lavoratori quello che è un salario che i lavoratori considerano accettabile e che l’impresa considera sostenibile. Le parti interessate decidano in piena libertà di accordarsi su quello che sia il livello più utile del salario.”

Come provocazione a chi mette in discussione l’economia di mercato, Martino propone “l’introduzione di un articolo 140 alla costituzione che sancisca che la legge non impedirà mai atti di capitalismo tra adulti consenzienti”.