Dichiarazione di Benedetto Della Vedova, deputato del Pdl

Gasparri e Giovanardi, commentando non il testo della mia intervista a Liberal, ma una loro personalissima sintesi di comodo, con un attacco al Sommo Pontefice semplicemente inventato, mi accusano di essere laicista e anti-cattolico. Si tratta di un’accusa semplicemente ridicola. Ho detto e ribadisco – provino Gasparri e Giovanardi a smentirmi – che sulla gran parte dei temi civili (dalle unioni gay, al testamento biologico) tutti i maggiori leader del PPE, anche quelli dei partiti culturalmente “cristiani” (come Rajoy e la Merkel), sostengono opinioni più simili alle mie che a quelle di chi, come loro, propone un rigido ancoraggio del Pdl a posizioni confessionali. Inoltre, ho indicato come modello per l’identità politica-culturale del Pdl quello – aperto, tollerante e inclusivo –  proposto dal neo-leader cattolico dei repubblicani americani, Michael Steele. Gasparri e Giovanardi dunque sbagliano o, se mi vogliono proprio qualificare come anti-cattolico, devono ammettere che sono in ottima e cattolicissima compagnia.

Roma, 10 aprile 2009