Categorized | Economia e mercato

Arriva lo scudo fiscale antisismico

da Phastidio.net – Come ampiamente prevedibile, il governo italiano si accinge a mettere in cantiere la terza edizione dello scudo fiscale per il rimpatrio e la regolarizzazione dei capitali detenuti all’estero, dopo quelli del 2001 e 2003. I fondi recuperati servirebbero anche per il finanziamento della ricostruzione delle zone terremotate in Abruzzo. Probabile un decreto-legge nel consiglio dei ministri successivo a quello in programma per domani mattina. Il bottino dei fondi italiani all’estero è stimato in circa 600 miliardi di euro, per i capitali sanati in rimpatrio le indiscrezioni parlano di una imposta sostitutiva del 10 per cento. Lo scudo fiscale del 2001 era stato in parte snaturato perché i contribuenti (si fa per dire, viste le circostanze) non avevano obbligo di rimpatriare i capitali dichiarati e sanati, secondo Tremonti per decisione della Commissione europea. Le motivazioni del rimpatrio sono evidenti: creare una domanda aggiuntiva per l’investimento in titoli di stato e recuperare risorse tributarie con l’imposta sostitutiva. Risorse preziose, visto l’onere richiesto per la ricostruzione delle zone terremotate.


One Response to “Arriva lo scudo fiscale antisismico”

  1. PKE ha detto:

    Oh perbacco!

    Ma Tremonti non aveva detto :<> ?

    PKE

Trackbacks/Pingbacks