– Dichiarazione di Benedetto Della Vedova, deputato del Pdl

Lo scandalo suscitato dalle parole di Fini è quanto mani salutare. Per il Pdl e per l’intera politica italiana. Il Presidente della Camera ha fatto bene a ravvivare una sana diffidenza liberale nei confronti delle pretese morali della legislazione civile. Ma soprattutto ha avuto il merito di ricordare che il rischio dello stato etico non è connesso solo ai regimi autoritari e totalitari, ma anche a quelli democratici, quando sulle libertà individuali e fondamentali il legislatore sceglie di imporre limiti e vincoli arbitrari.
Sulla legge 40 come su quella del fine vita, questo rischio è fin troppo evidente. La libertà morale dei cittadini non cade solo sotto i colpi di un tiranno. Può cadere, purtroppo, anche sotto i colpi di una maggioranza parlamentare democraticamente eletta, quando questa non riconosce alcun limite costituzionale all’esercizio del proprio potere.