Categorized | Biopolitica

Bio-testamento: Legge equilibrata, no testo equivoco e massimalista

Dichiarazione di Benedetto Della Vedova, deputato del Pdl

Sulla materia del fine vita, occorrerebbe porre mano ad una legge “minima” ed equilibrata, che si limitasse a disciplinare le modalità di espressione e di accertamento delle volontà espresse, in forma anticipata, rispetto a eventuali trattamenti futuri. Non è necessario proibire pratiche eutanasiche già vietate dal codice penale, né riscrivere le regole del rapporto terapeutico tra medici e pazienti, che è ampiamente disciplinato dal codice di deontologia medica.

Il ddl Calabrò fa l’esatto contrario. Rende ininfluenti le dichiarazioni anticipate di trattamento, fino a svuotarle di qualunque contenuto normativo e valore vincolante. E interviene sulle regole della cosiddetta “alleanza terapeutica” in modo così equivoco e contraddittorio, da rendere più incerto il diritto e quindi più probabili e numerose le pronunce che occorrerà attendersi da parte dell’autorità giudiziaria.

Mentre in Italia avviene tutto questo, in Germania (cioè in un paese che la storia ha reso ipersensibile rispetto ai rischi di pratiche eutanasiche e eugenetiche) il Parlamento sta lavorando per tradurre in legge le sentenze della Corte Suprema, che riconoscono il rispetto della volontà del paziente, anche quando questi non fosse più in grado di esprimerla in forma “attuale”. Sulle ragioni e sulle conseguenze di questa clamorosa differenza, occorrerebbe che tutti, all’interno e all’esterno della maggioranza, riflettessero con serietà e rigore.


Autore: Benedetto Della Vedova

Nato a Sondrio nel 1962, laureato alla Bocconi, economista, è stato ricercatore presso l’Istituto per l’Economia delle fonti di energia e presso l’Istituto di ricerca della Regione Lombardia. Ha scritto per il Sole24Ore, Corriere Economia, Giornale e Foglio. Dirigente e deputato europeo radicale, è stato Presidente dei Riformatori Liberali. Presidente di Libertiamo, è stato capogruppo di Futuro e Libertà per l'Italia alla Camera dei Deputati. Attualmente, è senatore di Scelta Civica per l'Italia.

Comments are closed.