Il saluto di Alessandro Caforio ai visitatori di Libertiamo.it