Governo: Della Vedova, non abbandonare la via delle riforme

Dichiarazione di Benedetto Della Vedova, Presidente dei Riformatori Liberali e deputato PDL:

“Nel mezzo di una crisi pesante e piena di incognite come quella attuale la prudenza è una virtù preziosa. E’ bene, quindi, che il Governo e i ministri resistano alla deriva catastrofista e tafazziana del “piove, governo ladro!”.
Ma la prudenza non può e non deve portare a spegnere la spinta riformatrice che il paese si aspetta dal Governo Berlusconi. Delle riforme abbiamo bisogno non solo per affrontare la crisi ma per essere pronti al dopo crisi.
Spiegare, come ha fatto oggi il Ministro Brunetta, che in fatto di ammortizzatori sociali non siamo all’anno zero è doveroso, ma ciò non toglie che il Governo non si debba porre l’obiettivo urgente di adeguare il nostro sistema di protezione sociale alle migliori pratiche europee, dando vita a meccanismi universalistici che cancellino le sperequazioni e le inefficienze attuali, che colpiscono i lavoratori più deboli e più giovani e non disincentivino la ricerca di nuove occupazioni.”


Autore: Benedetto Della Vedova

Nato a Sondrio nel 1962, laureato alla Bocconi, economista, è stato ricercatore presso l’Istituto per l’Economia delle fonti di energia e presso l’Istituto di ricerca della Regione Lombardia. Ha scritto per il Sole24Ore, Corriere Economia, Giornale e Foglio. Dirigente e deputato europeo radicale, è stato Presidente dei Riformatori Liberali. Presidente di Libertiamo, è stato capogruppo di Futuro e Libertà per l'Italia alla Camera dei Deputati. Attualmente, è senatore di Scelta Civica per l'Italia.

Comments are closed.