Roma: sbagliata ordinanza anti-cornetti, grandi metropoli non dormono mai

Dichiarazione di Benedetto Della Vedova, presidente dei Riformatori Liberali e deputato del Pdl:

“L’ordinanza dell’amministrazione Alemanno – che vieta la vendita di cornetti caldi e gelati dopo l’una di notte, per non meglio precisate ragioni di ordine pubblico – rende un cattivo servizio ad una metropoli come Roma che può e deve “competere” con New York, con Parigi, con Buenos Aires o con Shanghai.

I sindaci di queste realtà si vantano di governare città “che non dormono mai”: nelle principali metropoli del pianeta – dove nascono le tendenze culturali globali e si concentrano le persone più creative che trainano l’innovazione economica e sociale – la vita si svolge senza interruzione ventiquattro ore al giorno.
Invito il sindaco Alemanno a riflettere su un provvedimento, dirigista nel merito e che rischia di trasformarsi nel mondo in una pubblicità negativa per la città di Roma.”


One Response to “Roma: sbagliata ordinanza anti-cornetti, grandi metropoli non dormono mai”

  1. francesco mondini ha detto:

    Nooooo! Ma stiamo scherzando?! Non si possono chiudere i locali all’una di notte!
    Come farò quando alle 2,30 del mattino mi sveglierò con l’irrefrenabile voglia di cornetti…
    Cosa mi inventerò il fine settimana, dopo una serata passata al pub tra amici o dopo esser stato al cinema con la mia ragazza…
    Non potete farlo…ne va della mia integrità fisica e mentale!
    Comunque ragazzi, a parte gli scherzi…credete veramente sia possibile risolvere i problemi legati alla sicurezza imponendo questo assurdo coprifuoco?! Dovrebbe secondo me, rimanere discrezione del gestore dell’attività decidere l’ipotetico orario di chiusura.
    Siete del mio stesso parere?:http://www.carlorienzi.it/?p=57#comments

Trackbacks/Pingbacks