Amnesty: Violenze di Hamas contro “collaborazionisti”

DA APCom – Segnalata da Marianna Mascioletti

Ginevra – Amnesty International ha accusato Hamas di aver condotto una dura repressione contro i "collaboratori" di Israele, dopo l’offensiva israeliana nella Striscia di Gaza.

"Hamas ha condotto dopo l’offensiva israeliana una campagna di persecuzione contro le persone considerate ‘collaboratori’ di Israele", afferma un comunicato di Amnesty, che basa le sue accuse su testimonianze raccolte nella Striscia. Durante questa campagna "sono state assassinate una ventina di uomini, e altre decine sono stati feriti o torturati", riferisce l’organizzazione umanitaria.

Queste accuse confermano quelle espresse in precedenza da altre Ong e dalle stesse vittime delle repressioni. Due di questi gruppi, il centro Ad-Dameer e il Centro palestinese per i diritti dell’uomo (Pchr), avevano riferito a fine gennaio che decine di membri di al Fatah e persone accusate di essere "collaboratori" di Israele erano state attaccate dai servizi di sicurezza di Hamas durante e dopo l’offensiva israeliana, iniziata il 27 dicembre e cessata il 18 gennaio.


Comments are closed.