Dopo l’intervento di Tremonti, serve la mano coraggiosa di Sacconi

Manovra sotto la lente

di Piercamillo Falasca, da L’Occidentale

Ad oggi, i liberisti non pentiti possono essere soddisfatti di come il Governo sta reagendo alla crisi.
Quel che è stato fatto – una piccola iniezione di liquidità nel sistema per via fiscale (l’IVA all’incasso, le riduzioni degli acconti Irap e Ires) e qualche intervento di sostegno ai redditi (il bonus, la carta acquisti, una limitata estensione dei sussidi di disoccupazione ai co.co.pro.) – ha un costo molto limitato, appena lo 0,3 per cento del Pil,

soprattutto se paragonato a ciò che per fortuna non è stato fatto, vale a dire lasciarsi prendere dal desiderio di intervenire pesantemente nell’economia, di imitare altri paesi europei nello sfruttare gli inediti spazi concessi dall’Europa su Maastricht e di riproporre vecchie ricette di politica industriale.
Certo, il coraggioso rigore finanziario di Giulio Tremonti e gli utili avvertimenti di Maurizio Sacconi sul debito pubblico non hanno che un’origine: le scelte scellerate degli anni Ottanta, quando in un decennio si lasciò il debito pubblico aumentare dal 62 al 97 per cento del Pil. Una sorta di partita intertemporale tra socialisti di ieri e socialisti dell’oggi, verrebbe da dire. Non ci è dato sapere se, senza il pesantissimo fardello che ci ritroviamo, il ministro dell’Economia avrebbe compiuto scelte simili o avrebbe invece avuto un approccio diverso alla crisi, magari più in linea con le cose che andava dicendo fino a qualche settimana fa (quando consigliava a tutti di scendere in cantina e rispolverare i vecchi trattati keynesiani).
In assenza di controprove, che in politica e in economia non si hanno quasi mai, non ci resta che applaudire le scelte di Tremonti, il quale ha saputo tenere a bada gli istinti di spesa della maggioranza e le obiezioni esterofile dell’opposizione.
Avere conti pubblici in ordine è il miglior contributo che il Governo può dare alla futura ripresa economica, soprattutto se si crede – come scriveva ieri  Ernesto Felli su Il Foglio – che le fluttuazioni dipendano da choc strutturali e che esse non vadano contrastate perché questo è il meccanismo attraverso il quale il sistema economico si auto-corregge. Ma se il Tremonti ministro ha fatto bene la sua parte, nonostante il Tremonti scrittore e pensatore, è bene che ora sia l’altro socialista a dare un contributo determinante alla capacità dell’Italia di uscire indenne dalla crisi economica e di agganciare in pieno la futura crescita economica: il ministro del Welfare Sacconi. Per i mesi e gli anni a venire, sarà senza dubbio il suo Ministero a determinare il successo o l’insuccesso del Governo Berlusconi.
Terminata la fase emergenziale (sperando che il prossimo futuro non riservi all’Italia sorprese nuove,  magari nascoste nella pancia di qualche banca), occorrerà mettere mano alle famose “riforme strutturali”. La priorità, è una profonda riforma del modello di welfare, a partire dal sistema pensionistico, dal sistema degli ammortizzatori sociali e dalle regole del mercato del lavoro. A Sacconi – colui che da sempre chiede, a torto o a ragione, il superamento del Sessantotto come paradigma sociale – spetterà il compito di disinnescare la silenziosa frattura generazionale tra giovani (senza protezione e, in prospettiva, senza una pensione dignitosa) e “adulti” (protetti e dalla pensione generosa). La partita passa dall’aumento dell’età per la pensione di anzianità e dall’equiparazione tra uomini e donne dell’età per la pensione di vecchiaia. Le obiezioni che oggi il ministro pare avanzare sembrano dettate, più che dalla convinzione, dal timore di affrontare, in piena crisi, una stagione di forte tensione con le opposizioni e con i sindacati. Insomma, non vorremmo che i socialisti di oggi facciano come i socialisti di ieri, traslando irresponsabilmente nel futuro le conseguenze delle loro scelte.
Accanto alla partita del welfare, si riapriranno a breve le due questioni “storiche”: le tasse e le liberalizzazioni. Passata la bufera, torneremo a dirci che l’Italia ha una pressione fiscale insostenibile, sia sulle imprese sia sugli individui, che il sistema fiscale va semplificato, che il Mezzogiorno ha bisogno di un robusto choc fiscale che permetta di trasformarlo in un’area attraente per gli investimenti. Passata la bufera, torneremo anche a dirci che l’Italia ha bisogno di una iniezione di mercato e di concorrenza in tutti i settori economici, a partire dai servizi. Superata la difficile prova – anzitutto emotiva e politica, viste le pressioni interne ed internazionali – della manovra anti-crisi, è bene che il Governo non rinunci alle riforme profonde e davvero necessarie di cui l’Italia ha bisogno da anni, crisi o non crisi.

lig tv

ligtv

maç izle

canlı maç

футбол онлайн

трансляция футбол

смотреть онлайн футбол

смотреть футбол

soccer live

soccer tv

live soccer streaming

stream soccer

online football

watch football

football match

football streaming

live streaming

watch football

live football

football tv

futbol vivo

partido en vivo

juegos futbol

futbol online

futbol gratis

roja directa

jogos de futebol

jogo de futebol

futebol online

assistir tv

atdhe

foot en direct

jeux de foot

jeux football

calcio diretta

calcio streaming

giochi calcio

live ποδόσφαιρο

podosfairo live

αγωνεσ ποδοσφαιρου

video sepak bola

game bola sepak

Siaran Langsung Sepakbola

bola siaran langsung

futbol juegos

partidos en vivo

bóng đá online

xem bóng đá

bóng đá trực tuyến

bóng đá trực tiếp

ฟุตบอล online

ฟุตบอลสด

บอล online

ดู ฟุตบอล สด

ถ่ายทอด สด

online futball

live fussball

fussball live stream

live stream fußball

bundesliga live stream

fußball live

bundesliga fußball

piłka nożna na żywo

piłka nożna online

fotbal live

fotbal online

fotbal živě

fotbal zive

fotbollskanalen

fotball live

fotball på tv

футбол онлайн

футбол трансляція

футбол канал

live voetbal

live voetbal

voetbal kijken

voetbal online

фудбал уживо

fudbal uzivo

live fudbal

futbal online

live futbal

live footy

مباريات كرة القدم

مباشر كرة القدم

بث حي مباشر

مباشر مباريات

כדורגל שידור ישיר

שידור חי כדורגל

بث كرة القدم

football forum


Autore: Piercamillo Falasca

Vicepresidente di Libertiamo. Nato a Sarno nel 1980, si è laureato in Economia alla Bocconi e ha frequentato il Master in Parlamento e Politiche Pubbliche della Luiss. E' fellow dell’Istituto Bruno Leoni. Ha scritto, con Carlo Lottieri, "Come il federalismo può salvare il Mezzogiorno" (2008, Rubbettino) ed ha curato "Dopo! - Ricette per il dopo crisi" (2009, IBL Libri). Ha scritto anche, nel 2011, "Terroni 2.0", edito sempre da Rubbettino.

Comments are closed.