Testamento biologico: Della Vedova, Il problema non è la giurisprudenza creativa, ma la politica elusiva

Dichiarazione di Benedetto Della Vedova, Presidente dei Riformatori Liberali e deputato del Pdl

Il decreto emesso dal giudice tutelare di Modena fa chiaramente emergere che, sui temi del fine vita, a fare i peggiori danni non è una “giurisprudenza creativa”, ma una “politica elusiva”.
I progressi della scienza biomedica hanno reso necessario aggiornare la normativa di attuazione del principio deontologico e costituzionale, che lega i trattamenti sanitari al consenso dei pazienti. Se però la legge sul testamento biologico, come sembra sempre più probabile, servirà non a chiarire i termini di esercizio di un diritto (quello alla libertà di cura), ma a metterlo pesantemente in discussione, non si renderà un buon servizio né al paese né alla chiarezza normativa. E si incentiverà ulteriormente nei cittadini la scelta di ricorrere ai tribunali e di costringere i giudici a complicate esercitazioni interpretative.

Roma, 06 novembre 2008


Comments are closed.