Finanziaria: Della Vedova e Cazzola, proposta “TFR a mutui prima casa” resta in campo

“Misura non sarà in Finanziaria ma Governo ne consideri l’utilità”

Dichiarazione di Benedetto Della Vedova e Giuliano Cazzola, deputati del Pdl:

“Da un lato, i dati degli ultimi giorni mostrano un aumento significativo di pignoramenti e procedure immobiliari, segno di una crescente fatica delle famiglie italiane a far fronte all’onere del mutuo sulla casa. Dall’altro, in Italia l’acquisto della prima casa ha lato sensu finalità previdenziali non tanto dissimili dal fondo pensione o dalla stessa liquidazione. Per questo riteniamo quanto mai opportuno (se non urgente) consentire ai lavoratori dipendenti di destinare il flusso di Tfr al pagamento delle rate di rimborso del mutuo sulla prima casa.

Il Governo ha scelto di ridurre al minimo l’emendabilità della legge Finanziaria, per preservarne il contenuto tipico. Questa scelta ha comportato la dichiarazione di inammissibilità dell’emendamento che avevamo presentato: ma la proposta resta in campo e potrebbe essere un utile strumento per rispondere alle esigenze di una fascia crescente di popolazione italiana.  

In termini di finanza pubblica, l’intervento avrebbe un impatto molto limitato (appena poche decine di milioni di euro per compensare le aziende che oggi trattengono il Tfr dei loro lavoratori), ma vi sarebbero effetti significativi per i bilanci delle famiglie italiane, che potrebbero coprire con il Tfr fino ad un terzo della rata del mutuo.”

Roma, 28 ottobre 2008


Comments are closed.