Alitalia, è il fallimento del sindacato confederale. Ma ora il Governo si sfili.

Intervista di Benedetto Della Vedova all’agenzia di stampa Dire, di giovedì 18 settembre 2008

La rottura finale delle trattative su Alitalia segna un punto di svolta nelle relazioni sindacali. E’ il deputato del Pdl Benedetto Della Vedova a rilevare la questione, nel giorno del ritiro da parte di Cai dell’offerta su Alitalia dopo la decisione della sola Cgil di non firmare l’accordo: "Oggi ci siamo scontrati con il fallimento del modello basato sul sindacato confederale". Sono lì, le responsabilità "perchè invece il governo ha tentato il possibile e l’impossibile".
Invece secondo Della Vedova "il problema è che siamo inchiodati a un modello confederale in cui sempre le stesse tre persone ogni sera girano da Matrix a Ballarò a Porta a Porta e ogni giorno si dividono tra dieci tavoli di trattativa, dalla scuola, ai contratti, all’Alitalia".
In questo modo, dice il leader dei Riformatori Liberali, "loro perdono credibilità e dentro le aziende non hanno più seguito. Se avessimo avuto un sindacato aziendale, che ora e’ marginale, la trattativa sarebbe stata più agevole. Questo dimostra- conclude- perchè è fallita anche la trattativa con Air France".

C’è la vendita della compagnia "a pezzi" e "al miglior acquirente" nel futuro di Alitalia. Della Vedova chiede "a questo punto" di "fare un bagno nella realtà: Alitalia è fallita, non si salva più. Ora si venderanno i suoi pezzi".
La palla passa dunque al commissario Augusto Fantozzi: "Mi auguro- dice Della Vedova- che Fantozzi faccia il suo mestiere.
E’ il commissario liquidatore? Trovi, sul mercato internazionale o su quello italiano, acquirenti di quelle parti della compagnia che si possono vendere, e faccia in modo che siano pagate al meglio".
Ma una futura trattativa secondo il deputato del Pdl, dovrà essere gestita in modo nettamente diverso da quanto accaduto finora: "Il governo non deve dare alibi ai sindacati con la sua presenza al tavolo. Una futura trattativa dovrà essere tra Fantozzi e gli acquirenti e tra chi compra e i lavoratori".
Così, alla fine, conclude, "da questo disastro saremo usciti almeno con un elemento di chiarezza".


Comments are closed.