Vita di coppia: cinque segnali per scovare un traditore seriale

http://byfiles.storage.live.com/y1puraKiYFgbXPgeurawaIk6lxLI5TRAAMA1uhLtsJ88vyjapSCgRCnornj8AORh-ULyQ7vB3d3kJoDa Corriere.it del 28 luglio 2008

NEW YORK – Un traditore è per sempre? Forse no. Forse c’è un modo per "recuperare" il compagno o la compagna caduti tra le braccia di qualcun’altro. Se la crisi viene superata, la coppia potrebbe uscirne addirittura più unita e forte. «Naturalmente ci sono casi in cui i partner tradiranno ancora, i cosiddetti ‘infedeli cronici’» avverte la psicologa americana Diana Kirshner, che sul suo blog di Yahoo Personals fornisce cinque ‘dritte’ per salvare il partner fedifrago.

CINQUE SEGNALI – «Esistono cinque segnali che possono aiutare a distinguere il traditore seriale da quello occasionale che è possibile riabilitare» scrive la Kirshner. Questi i segnali: 1. Il partner è sinceramente pentito e si assume tutta la colpa; 2. ha tagliato tutti i contatti con l’amante; 3. dimostra una rinnovata devozione nei confronti del compagno o compagna; 4. affronta la questione in modo aperto ed onesto, ha capito lo sbaglio e ha compreso cosa mancava nel rapporto; 5. è pronto persino ad affrontare la psicoterapia, per migliorare se stesso ed il rapporto. «Gli studi dimostrano che è possibile ricucire in modo stabile il rapporto, ma esiste comunque la possibilità di essere traditi di nuovo» dice la psicologa.

SCOVARE IL TRADITORE – La Kirshner dà anche qualche consiglio su come smascherare una scappatella. Oltre ai classici «fa tardi al lavoro», «le telefonate misteriose» e «scontrini di regali mai ricevuti», tra i comportamenti che devono far scattare l’allarme ci sono i viaggi improvvisi ed insoliti in cui non si è invitati, un hobby che occupa molto tempo libero e un calo dell’intesa sessuale. Se dovessero verificarsi questi casi, è meglio prepararsi emotivamente ad un tradimento del partner. E se la scappatella dovesse diventare un vizio, meglio rompere i ponti e non farsi rovinare le relazioni future da una gelosia paranoica.


Comments are closed.