Festival delle culture – VentiEventi

Segnalato da Manuel Antonini

9 maggio/8 giugno ’08 – Milano e provincia
22/23/24/25 maggio

La terza settimana del Festival VentiEventi – culture in movimento ha per protagonista il continente africano, eventi che ospitano iniziative provenienti da Senegal, Burkina Faso e Malì.
Si apre giovedì 22 maggio, al Banafrique con una serata all’insegna della cultura senegalese, dal cibo alla musica. Dalle H 22 Sun Sooley, uno dei più famosi cantanti reggae del Senegal, ci farà saltellare su ritmi afro-reggae per poi passare all’afrohip-hop dei Les Ambassadeurs, derivante dalla musica e dalla lingua wolof.

Nella Sala Ariberto dell’Unitre Teatro venerdì 23 alle H 21 Mohamed Ba con lo spettacolo Invisibili, ci fa immaginare di esser nati nel cosiddetto Terzo mondo, mentre alle H 22 il gruppo Hado Ima & Watinoma ci porta in Burkina Faso con le danze tradizionali delle donne Mossi accompagnate dalla musica e i canti dei musicisti griot. Secondo il mito della loro origine, i Mossi, discendono dall’unione tra la giovane principessa Yennega, amazzone e ribelle e un principe cacciatore Mandingo. Le eredi di questa donna intelligente e coraggiosa presentano le danze delle giovani donne per mostrarne la bellezza, l’energia e la femminilità in occasioni di festa e gioia. Stessa location sabato 24 maggio per la coreografia di Ibrahim Ouattara, attore e danzatore del Centro di Formazione Artistica Desiré Somé di Bobo Dioulasso (Burkina Faso) che da vari anni è attivo nella ricerca dell’espressione corporea e spirituale. Alle H 21.30 Baba Sissoko Duo in concerto, artista originario di una grande dinastia di griots del Mali, il cui ruolo
nella tradizione è quello di riconciliare i cuori e gli animi, è stato il primo ad introdurre il suono del tamani nella musica moderna maliana. Ha collaborato e registrato con grandi artisti come Habib Koite, Rokia Traore, Ibrahim Ferrer, Buena Vista Social Club, Don Moye e l’Art Ensemble of Chicago, Dee Dee Bridgewater, Enzo Avitabile ; Miguel Anga Diaz, Omar Sosa, Chris Joris, Bob Stuwart e molti altri. Nel 2007 ha pubblicato il suo ottavo album, nel quale fonde in musica melodie e ritmi propri della sua tradizione con sonorità occidentali, dando vita ad una contaminazione musicale di straordinario effetto.
– modougueye@libero.it

Palcoscenico insolito per un breve atto di Amami, presentato da Teatro 19 e Icaro e gli Acari, domenica 25 alle H 21 al Frida nel cuore dell’Isola, l’incontro d’amore fra uomo e donna, situazioni comiche e grottesche. E l’amore? Forse… Nelle serate del 23 e 24 sarà presente un banchetto informativo del Gruppo
Locale di Milano di ActionAid. Info: www.mascherenere.it – www.sunugal.it

Giovedì 22 maggio
Bana Afrique
, Viale Delle Rimembranze di Greco 10 – Milano
H 21 cena senegalese
H 22 Sun Sooley in concerto
nato e cresciuto a Dakar è uno dei più famosi cantanti reggae del Senegal. Pioniere dell’hip-hop africano, ha suonato per anni con la band Jant-Bi, con cui ha partecipato anche a tour europei. Attualmente sta lavorando al suo quinto cd. Ha collaborato tra gli altri con i famosi artisti senegalesi Youssou n’Dour e Baaba Maal.
H 23 Les Ambassadeurs in concerto Afrohiphop, hip hop innovativo misto a ritmi africani derivante dalla musica e dalla lingua wolof. Il nome Les Ambassadeurs rappresenta già il loro messaggio: ambasciatori di un popolo, di una cultura, di valori quali amore, rispetto e uguaglianza.
Ingresso € 5

Venerdì 23 maggio
Unitre Teatro Sala Ariberto
, Via Daniele Crespi, 9 – Milano
H21 Invisibili regia e interpretazione Mohamed Ba
Spettacolo teatrale che ripercorre il cammino di due cittadini africani che s’incontrano su una spiaggia e cercano di sopravvivere agli incubi della povertà sognando una vita migliore dall’altra parte della barriera. Che ne sarebbe della nostra vita se, per uno strano caso, non fossimo nati qui ma nel “Terzo Mondo”?
H 22 Hado Ima & Watinoma
Burkina Faso – Danze tradizionali africane delle donne Mossi accompagnate dalla musica e i canti dei musicisti griot. I Mossi sono l’etnia più numerosa del Burkina Faso e vivono in un’ampia zona centrale del territorio del paese, circondati da tutte le altre etnie. Secondo il mito della loro origine discendono dall’unione tra la giovane principessa Yennega, amazzone e ribelle e un principe cacciatore Mandingo. Le eredi di questa donna intelligente e coraggiosa presentano le danze delle giovani donne per mostrarne la bellezza, l’energia e la femminilità in occasioni di festa e gioia.
Apertura teatro H20 –
Ingresso € 10

Sabato 24 maggio
Unitre Teatro Sala Ariberto
, Via Daniele Crespi, 9 – Milano
H 21 Studio per un Solo sui principi del fuoco, dell’acqua e della terra, coreografia e danza Ibrahim “Tonton” Ouattara, musica Draman Konate Ibrahim Ouattara attore e danzatore del Centro di Formazione Artistica Desiré Somé di Bobo Dioulasso (Burkina Faso), da vari anni è attivo nella ricerca dell’espressione corporea e spirituale. Profondamente sensibile alla danza tradizionale Burkinabé utilizza il linguaggio del corpo per attraversare i rituali e ritmi del territorio aprendo poi una dimensione più creativa.
H 21.30 Baba Cissoko Duo in concerto
Baba Sissoko, artista originario di una grande dinastia di griots del Mali, il cui ruolo nella tradizione è quello di riconciliare i cuori e gli animi, è stato il primo ad introdurre il suono del tamani nella musica moderna maliana. Ha collaborato e registrato con grandi artisti come Habib Koite, Rokia Traore, Ibrahim Ferrer, Buena Vista Social Club, Don Moye e l’Art Ensemble of Chicago, Dee Dee Bridgewater, Enzo Avitabile ; Miguel Anga Diaz, Omar Sosa, Chris Joris, Bob Stuwart e molti altri. Nel 2007 ha pubblicato il suo ottavo album, nel quale fonde in musica melodie e ritmi propri della sua tradizione con sonorità occidentali, dando vita ad una contaminazione musicale di straordinario effetto.
Apertura teatro H20 –
Ingresso € 10

Domenica 25 maggio
Frida
, Via Pollaiuolo, 3 – Milano
H 21 TEATRO 19 e ICARO E GLI ACARI presentano Amami
Regia Roberta Moneta e Gianluca De Col, testi di Gianluca De Col, con Valeria
Battaini e Denis Michallet
Brevi atti che raccontano l’incontro d’amore fra uomo e donna. Due coppie si scambiano il primo sguardo, parlano per la prima volta. Il risultato? Situazioni comiche e grottesche. E l’amore? Forse…
Ingresso libero


Comments are closed.