Earth Day: Della Vedova, più innovazione, non contrapporre ambiente e sviluppo

Il nucleare è una risorsa preziosa per le politiche sull’ambiente

Dichiarazione di Benedetto Della Vedova, presidente dei Riformatori Liberali e deputato del Pdl:

L’Earth Day rischia, per l’ennesima volta, di promuovere politiche per l’ambiente ispirate a teorie “anti-sviluppiste”. Si tratta di un gravissimo errore, visto che da un approccio ideologico che somma diffidenza per la scienza, ostilità per la tecnologia, nostalgia per l’autarchia e vagheggiamenti (o vaneggiamenti) sulla de-crescita economica non può derivare alcun vantaggio: né sul piano sociale, né sul piano ambientale.
La scommessa delle politiche ambientali del futuro è quella di non contrapporre ambiente e sviluppo, grazie agli strumenti messi a disposizione dall’innovazione scientifica. Uscendo dalla logica conformista che ha dominato sino ad oggi l’ideologia ambientalista, bisognerebbe ad esempio uscire dal tabù del nucleare ammettendo che oggi questo è una risorsa preziosa proprio in chiave ecologica, perché consente la riduzione delle emissioni clima-inquinanti e della dipendenza dalle fonti fossili, garantendo anche, in prospettiva, un risparmio sulla “bolletta energetica”.
Su questa scommessa, che è insieme politica e culturale, penso che – proprio a partire dalla questione nucleare –  il nuovo governo debba e possa segnare una svolta nelle politiche ambientali del nostro paese.

Roma, 22 aprile 2008


Autore: Benedetto Della Vedova

Nato a Sondrio nel 1962, laureato alla Bocconi, economista, è stato ricercatore presso l’Istituto per l’Economia delle fonti di energia e presso l’Istituto di ricerca della Regione Lombardia. Ha scritto per il Sole24Ore, Corriere Economia, Giornale e Foglio. Dirigente e deputato europeo radicale, è stato Presidente dei Riformatori Liberali. Presidente di Libertiamo, è stato capogruppo di Futuro e Libertà per l'Italia alla Camera dei Deputati. Attualmente, è senatore di Scelta Civica per l'Italia.

Comments are closed.