Elezioni: Della Vedova, No tax region per il Sud, necessaria una cura liberale per il mezzogiorno

Questa sera Benedetto della Vedova interverrà a Napoli al dibattito: “Da Sud: i liberisti del Pdl”

Dichiarazione di Benedetto Della Vedova, presidente dei Riformatori Liberali e deputato di Forza Italia:

L’assistenzialismo sociale e economico è alla base del fallimento delle politiche di sviluppo del mezzogiorno italiano. Penso che, per il bene del Sud, occorra ribaltare l’idea che la via per il rilancio economico passi attraverso una “cronicizzazione” della politica dei sussidi, dei contributi e dell’intervento pubblico. La via per lo sviluppo passa dalla strada opposta: da un’iniezione di libertà economica e da una riduzione della spesa pubblica e della pressione fiscale. Oggi, più che mai, è necessario che lo stato investa in sicurezza, infrastrutture e formazione, ma che cessi di investire (dilapidando inutilmente miliardi) in “politiche industriali” dirigiste e inefficienti.
Sono sempre più convinto che l’abbattimento a zero dell’imposizione diretta sul reddito d’impresa nelle regioni del Sud (che non costerebbe più di 4 miliardi di euro all’anno) sarebbe la via più rapida ed economica per attrarre investimenti produttivi e rilanciare lo sviluppo e il lavoro nel mezzogiorno. Senza affidarsi alla costosa intermediazione della politica e all’intervento di strutture “para-pubbliche”.

Roma, 10 aprile 2008


Autore: Benedetto Della Vedova

Nato a Sondrio nel 1962, laureato alla Bocconi, economista, è stato ricercatore presso l’Istituto per l’Economia delle fonti di energia e presso l’Istituto di ricerca della Regione Lombardia. Ha scritto per il Sole24Ore, Corriere Economia, Giornale e Foglio. Dirigente e deputato europeo radicale, è stato Presidente dei Riformatori Liberali. Presidente di Libertiamo, è stato capogruppo di Futuro e Libertà per l'Italia alla Camera dei Deputati. Attualmente, è senatore di Scelta Civica per l'Italia.

Comments are closed.