Inflazione: Della Vedova, con crescita zero e deficit in aumento pesantissima eredità di Prodi

Dichiarazione di Benedetto Della Vedova, presidente dei Riformatori Liberali e deputato di Forza Italia:

L’inflazione al 3,3% è un dato allarmante. Ci diranno che il carovita è un problema europeo, determinato da fattori internazionali non imputabili alla politica economica italiana. Peccato che gli altri paesi europei, che pure con noi condividono l’aumento dei prezzi, continuino a crescere più dell’Italia, almeno un punto percentuale in più.
L’inflazione è un dato europeo, ma la crescita zero resta un problema solo italiano: questa è la condanna definitiva del governo di centrosinistra.
Si aggiungono un deficit che torna pericolosamente verso il 3%, una pressione fiscale superiore al 43%, la spesa pubblica per il 2007 superiore di circa il 10% al valore del 2005, un differenziale tra titoli di stato e bund tedeschi a livelli pre-euro.
Insomma, nei numeri di finanza pubblica e nel giudizio dei mercati, non solo nei dati sull’inflazione, si legge tutta l’eredità di Prodi.

Roma, 1 aprile 2008


Autore: Benedetto Della Vedova

Nato a Sondrio nel 1962, laureato alla Bocconi, economista, è stato ricercatore presso l’Istituto per l’Economia delle fonti di energia e presso l’Istituto di ricerca della Regione Lombardia. Ha scritto per il Sole24Ore, Corriere Economia, Giornale e Foglio. Dirigente e deputato europeo radicale, è stato Presidente dei Riformatori Liberali. Presidente di Libertiamo, è stato capogruppo di Futuro e Libertà per l'Italia alla Camera dei Deputati. Attualmente, è senatore di Scelta Civica per l'Italia.

Comments are closed.