Roma – E’ segno dei tempi che un giornale vicino alle posizioni del popolo dei cattolici perda di vista uno dei cardini dell’identità cristiana: il pudore.

Nell’articolo che leggiamo dalle agenzie contro tutto e tutti, contro il PD e Pannella, riemergono le vecchie ferite mai rimarginate delle battaglie per i diritti civili quando Pannella ha rappresentato non solo la maggioranza degli italiani ma spesso anche una quota consistente di cattolici e di cristiani.

Spesso non siamo d’accordo con il leader radicale ma siamo convinti che anche sui nuovi diritti come le scelte di fine vita, il testamento biologico e i diritti dei malati come persone, Pannella rappresenti il pensiero cristiano più e meglio di F. Cristiana e della sua politica vecchia e spudorata.

Ci uniamo quindi alle tante voci che anche noi raccogliamo in queste ore perchè il Presidente della repubblica, con atto di coraggio, nomini Marco Pannella Senatore a vita, a riconoscimento dello’antica militanza per i diritti di tutti.