Immigrati: Della Vedova, Rigore, non demagogia. Bene Galan

Necessaria l’integrazione economica, culturale e civile degli immigrati

Dichiarazione di Benedetto Della Vedova, deputato di Forza Italia e Presidente dei Riformatori Liberali

La questione dell’immigrazione è un problema sensibile e un tema di grande mobilitazione elettorale. Vale in tutti i partiti, in tutti gli schieramenti e in tutti i paesi che accolgono e integrano masse crescenti di lavoratori e cittadini stranieri.
Detto questo, proprio la delicatezza del tema implica il massimo del realismo e della misura, quando dal piano dei principi astratti si passa a quello delle politiche concrete, cioè delle scelte legislative, amministrative e di governo.
Il Pdl fa bene a tenere alta la guardia sulla necessità di governare il problema dell’immigrazione con il massimo della severità e del rigore, senza cedere di un millimetro alla demagogia “lassista” della sinistra ex e neo comunista. Ma questo rigore non deve tramutarsi in una demagogia uguale e contraria, che impone barriere irragionevoli alle necessarie misure di integrazione economica, culturale e civile. A mio parere la posizione migliore (che risponde – penso -ai sentimenti della assoluta maggioranza degli elettori del centro-destra) è quella espressa dal Governatore Galan nella sua intervista di oggi alla Stampa.
E’ inutile e dannoso contrapporre alla demagogia dell’accoglienza indiscriminata la retorica del no, altrettanto indiscriminato, all’immigrazione e agli immigrati.

Roma, 31 marzo 2008


Autore: Benedetto Della Vedova

Nato a Sondrio nel 1962, laureato alla Bocconi, economista, è stato ricercatore presso l’Istituto per l’Economia delle fonti di energia e presso l’Istituto di ricerca della Regione Lombardia. Ha scritto per il Sole24Ore, Corriere Economia, Giornale e Foglio. Dirigente e deputato europeo radicale, è stato Presidente dei Riformatori Liberali. Presidente di Libertiamo, è stato capogruppo di Futuro e Libertà per l'Italia alla Camera dei Deputati. Attualmente, è senatore di Scelta Civica per l'Italia.

Comments are closed.