Tibet: Della Vedova, In Tibet rischio Tien An Men, il governo sostenga le posizioni del Dalai Lama

Dichiarazione di Benedetto Della Vedova, presidente dei Riformatori Liberali e deputato di Forza Italia:

E’ evidente che la Cina, entro breve, soffocherà nel sangue la protesta della popolazione tibetana, come avvenne, 19 anni fa, con le proteste di Tien An Men, per tentare di preservare, a pochi mesi per le Olimpiadi, una immagine internazionale che sarebbe ancora più compromessa da settimane e mesi di protesta di piazza.
La sola possibilità che in Tibet non avvenga quanto è prevedibile e previsto è che la comunità internazionale e l’Unione Europea (sulla scia di quanto già è stato fatto dall’amministrazione statunitense) riconoscano e sostengano la leadership nonviolenta del Dalai Lama, opponendosi alla sua criminalizzazione e aderendo alla sua proposta di pacificazione, che non prevede affatto “l’indipendenza” del Tibet, come si sostiene da parte di Pechino, ma la sua autonomia religiosa e culturale, nell’ambito dei confini e della sovranità della Repubblica Popolare Cinese.
Il governo italiano, che in questi due anni ha trattato il Dalai Lama come un reprobo indesiderato, rifiutando qualunque relazione con la massima autorità politica della diaspora tibetana, è chiamato a cambiare velocemente rotta e a sposare la linea di Merkel e Bush. Non basta chiedere, come fa il governo italiano, la fine della violenze. Bisogna impedire, che come avvenne a Tien An Men, la violenza appaia alle autorità di Pechino la scelta politicamente meno costosa.

Roma,  15 marzo 2008


Autore: Benedetto Della Vedova

Nato a Sondrio nel 1962, laureato alla Bocconi, economista, è stato ricercatore presso l’Istituto per l’Economia delle fonti di energia e presso l’Istituto di ricerca della Regione Lombardia. Ha scritto per il Sole24Ore, Corriere Economia, Giornale e Foglio. Dirigente e deputato europeo radicale, è stato Presidente dei Riformatori Liberali. Presidente di Libertiamo, è stato capogruppo di Futuro e Libertà per l'Italia alla Camera dei Deputati. Attualmente, è senatore di Scelta Civica per l'Italia.

Comments are closed.