Castro: Della Vedova, se ne va campione del totalitarismo e dell’intolleranza. Nessuno lo rimpianga

Dichiarazione di Benedetto Della Vedova, Presidente dei Riformatori Liberali e deputato di Forza Italia

Se Fidel Castro lascerà davvero il potere, allora la notizia non potrà che essere salutata, da tutto il mondo libero e da tutte le persone libere, come una vera e propria liberazione, senza se e senza ma. Con Castro se ne va l’emblema di una dittatura comunista tanto spietata quanto esaltata in tanta parte della sinistra europea e italiana, disposta a chiudere gli occhi sulla repressione di dissidenti e gay pur di sostenere il mito di un campione dell’antiamericanismo.
Il post-castrismo è un’incognita e la successione dinastica a favore del fratello Raul non induce a facile ottimismo, ma con il lìder maximo se ne va un campione del totalitarismo e dell’intolleranza. Nessuno lo rimpianga.


Autore: Benedetto Della Vedova

Nato a Sondrio nel 1962, laureato alla Bocconi, economista, è stato ricercatore presso l’Istituto per l’Economia delle fonti di energia e presso l’Istituto di ricerca della Regione Lombardia. Ha scritto per il Sole24Ore, Corriere Economia, Giornale e Foglio. Dirigente e deputato europeo radicale, è stato Presidente dei Riformatori Liberali. Presidente di Libertiamo, è stato capogruppo di Futuro e Libertà per l'Italia alla Camera dei Deputati. Attualmente, è senatore di Scelta Civica per l'Italia.

Comments are closed.