“L’ho difeso ma dissento. Non siamo solo consumisti”

Intervista a Benedetto Della Vedova, da Il Corriere della Sera di venerdì 25 gennaio 2008

Non rimpiange, Benedetto Della Vedova, la sua recente presa di posizione in favore di Ratzinger, e del suo diritto di parola alla Sapienza. Ma ovviamente al leader della pattuglia color salmone dei Riformatori Liberali, deputato di Forza Italia, non è piaciuto affatto un Papa che condanna il “secolarismo occidentale”. E ancor più quel bruciante paragone con il marxismo, del quale l’edonismo liberale costituirebbe un nemico “forse più subdolo”.

E allora non esita a criticare il Pontefice (“L’analisi è sbagliata anche sotto il profilo storico”), pur difendendo in linea di principio il suo diritto ad esprimersi. “Di fatto – ricorda – il secolarismo delle società occidentali ha riconquistato, restituendolo alla coscienza individuale, quel senso del sacro che le era stato sottratto dall’ateismo marxista di Stato. Senza l’appoggio delle società secolarizzate d’Occidente – aggiunge – la Chiesa di Giovanni Paolo II non avrebbe mai potuto vincere la sua battaglia contro Mosca”. Ma tutto questo è alle spalle, mentre Ratzinger si preoccupa della situazione di oggi… “E’ vero” riconosce, “però l’umanesimo liberale e quello cristiano sono i frutti di una doppia contaminazione”. Il Papa chiama sul banco degli imputati non solo il materialismo pratico, ma anche il disamore per la maternità e la pratica religiosa. “Guai a cercare lo scontro, è pericoloso per tutti. Gli eccessi del consumismo esistono, ma identificarli con l’anima dell’Occidente significa riprodurre gli stessi errori, speculari, commessi da coloro che attaccano ideologicamente la Chiesa, riducendola a un fantoccio polemico”. E’ ferito, certo, il liberale Della Vedova dal Ratzinger che se la prende con la globalizzazione (replica: “ha affrancato tanti popoli dalla povertà”) con il liberalismo stesso (“che invece è impregnato di cristianesimo”) e l’Occidente (pur sempre “padre della democrazia”). “Ma anche se si fosse presentato alla Sapienza per dire tutto questo – conclude – avrei difeso egualmente il suo diritto a sostenerlo”.


Autore: Benedetto Della Vedova

Nato a Sondrio nel 1962, laureato alla Bocconi, economista, è stato ricercatore presso l’Istituto per l’Economia delle fonti di energia e presso l’Istituto di ricerca della Regione Lombardia. Ha scritto per il Sole24Ore, Corriere Economia, Giornale e Foglio. Dirigente e deputato europeo radicale, è stato Presidente dei Riformatori Liberali. Presidente di Libertiamo, è stato capogruppo di Futuro e Libertà per l'Italia alla Camera dei Deputati. Attualmente, è senatore di Scelta Civica per l'Italia.

Comments are closed.