Tasse: Della Vedova, Bene Draghi, da Governo misure fiscali inefficaci

Dichiarazione di Benedetto Della Vedova, presidente dei Riformatori Liberali e deputato di Forza Italia:

Fa bene il Governatore della Banca d’Italia a porre l’indice contro improbabili riduzioni delle imposte non accompagnate da tagli alla spesa corrente. Così come è quanto mai opportuna la considerazione secondo cui solo politiche che incentivino l’offerta di lavoro determinano un sostegno duraturo allo sviluppo. Da parte nostra crediamo nella “scommessa” vinta da tanti governi occidentali negli ultimi anni: un robusto taglio delle aliquote marginali in grado di rilanciare l’economia senza ricadute negative sul gettito.

Ciò detto, nelle parole di Draghi si può leggere a chiare lettere ciò che diciamo da tempo: una cosa sono i tagli fiscali a famiglie e imprese, altro è “la mancia” al lavoro dipendente che i sindacati pretendono dal governo, una misura che avrebbe come unico effetti di sussidiare alcuni contribuenti a spese di altri, senza alcun effetto di slancio per la sviluppo economico. Non è spartendosi la miseria che si potranno aumentare i salari, ma creando le condizioni di una maggiore crescita. E questa passa necessariamente attraverso la “scommessa” di un taglio consistente delle aliquote marginali e della riduzione di una spesa pubblica sempre più zavorra del paese.”


Autore: Benedetto Della Vedova

Nato a Sondrio nel 1962, laureato alla Bocconi, economista, è stato ricercatore presso l’Istituto per l’Economia delle fonti di energia e presso l’Istituto di ricerca della Regione Lombardia. Ha scritto per il Sole24Ore, Corriere Economia, Giornale e Foglio. Dirigente e deputato europeo radicale, è stato Presidente dei Riformatori Liberali. Presidente di Libertiamo, è stato capogruppo di Futuro e Libertà per l'Italia alla Camera dei Deputati. Attualmente, è senatore di Scelta Civica per l'Italia.

Comments are closed.