Fatevi sentire! Nostra intervista a Andrea Pucci

Il Disegno di Legge n. 3014 in materia di tutela dei minori nella visione di film e videogiochi, attualmente all’esame del Commissione Cultura della Camera, propone di creare un Comitato nazionale con il compito di “controfirmare” la classificazione del videogioco attribuita a livello europeo dal sistema PEGI.

L’Italia potrebbe diventare l’unico paese in Europa, dove viene imposto un macchinoso sistema di doppia valutazione dei giochi.

Se passerà il Disegno di Legge così ci saranno due conseguenze:

1. discriminazione dei videogiocatori italiani da quelli europei, allungando inutilmente i tempi nei quali gli italiani potranno giocare con i videogiochi, non soltanto quelli “controversi”, visto che la procedura di deposito e di eventuale riclassificazione nazionale è prevista per tutti i titoli senza distinzioni;

2. potrebbe comunque mettere a repentaglio la stessa tutela dei minori, perché la procedura alimenterebbe la pirateria, specie su Internet, e spingerebbe lo sviluppo delle importazione parallele – perfettamente legali – da altri paesi europei dove non vige il sistema del doppio controllo.

***DACONTROLLARE


No Responses to “Fatevi sentire! Nostra intervista a Andrea Pucci”

  1. Andrea Balestri ha detto:

    Sul fatto della controfirma potrei concordare con voi, ma questo non deve precludere l’esistenza del controllo. I danni provocati dalla violenza cui sono sottoposti alcuni bambini sono noti sin dai tempi di Adler, per arrivare agli studi specifici della Columbia University sui videogiochi (che hanno pure dimostrato pregi, non lo nego). Credo che un controllo debba esistere proprio perché specialmente nell’infanzia non esiste una percezione della realtà distinta dall’immaginazione. Non esiste in molti adulti, figuriamoci nei più piccoli.

  2. Alessandro ha detto:

    infatti il problema spesso sono i grandi, non i piccini..

Trackbacks/Pingbacks