Berlusconi: Della Vedova, Strana la coincidenza dell’incontro di Violante con Mancuso

Continua la logica dei “due pesi e due misure”, dei cittadini al di sopra e al di sotto di ogni sospetto

Dichiarazione di Benedetto Della Vedova, Presidente dei Riformatori Liberali e Deputato di Forza Italia

Non esistono – fortunatamente – intercettazioni ambientali sull’incontro fra Violante e il procuratore aggiunto di Napoli Mancuso, di cui oggi dà conto Italia Oggi (fino ad ora non smentito). E non c’è quindi – fortunatamente – un giornale che abbia provveduto a pubblicarne le sintesi.
Il pezzo di informazione italiana che oggi mena scandalo per i “contatti” fra il capo dell’opposizione e un dirigente Rai dovrebbe però chiedere a Violante spiegazioni del suo incontro con Mancuso. Incontro molto più significativo, potenzialmente, per gli equilibri politici del paese e per i rapporti istituzionali tra poteri dello stato: nel momento in cui, di fronte ai rapporti del capo dell’opposizione con alcuni senatori di maggioranza, Violante chiedeva di indagare Berlusconi per corruzione incontrava a Roma il suo amico procuratore aggiunto di Napoli, che quell’indagine ha avviato.
Sicuramente una coincidenza. Ma la logica dei “due pesi e due misure”, dei cittadini al di sopra e al di sotto di ogni sospetto, continua, complice un uso spregiudicato delle intercettazioni, ad essere la cifra della sinistra giacobina e giustizialista (sia essa quella politica, quella mediatica o quella giudiziaria).

Roma, 15 dicembre 2007


Autore: Benedetto Della Vedova

Nato a Sondrio nel 1962, laureato alla Bocconi, economista, è stato ricercatore presso l’Istituto per l’Economia delle fonti di energia e presso l’Istituto di ricerca della Regione Lombardia. Ha scritto per il Sole24Ore, Corriere Economia, Giornale e Foglio. Dirigente e deputato europeo radicale, è stato Presidente dei Riformatori Liberali. Presidente di Libertiamo, è stato capogruppo di Futuro e Libertà per l'Italia alla Camera dei Deputati. Attualmente, è senatore di Scelta Civica per l'Italia.

Comments are closed.