Dichiarazione di Benedetto Della Vedova, Presidente dei Riformatori Liberali e Deputato di Forza Italia

Oggi si è celebrata una giornata importante per il nostro Parlamento, che, malgrado le pressioni di Pechino, ha consentito al Dalai Lama di rivolgersi ai parlamentari e per loro tramite ai cittadini italiani e di esprimere così parole di nonviolenza e riconciliazione, che testimoniano una ferma volontà di dialogo con Pechino, basata sul rispetto dei diritti umani e dell’autonomia culturale e civile del popolo tibetano. Questo dialogo è quanto la Repubblica Popolare di Cina si rifiuta però di avviare, creando le condizioni per una maggiore instabilità dell’area.
Dunque, onore al Dalai Lama e onore al Parlamento. Vergogna invece al Governo e a un Presidente del Consiglio che, dopo avere accampato per giorni “ragioni d’agenda”, anche oggi ha evitato il Dalai Lama, riuscendo miracolosamente a decollare da Ciampino dieci minuti prima dell’atterraggio dell’aereo che portava a Roma il Premio Nobel tibetano.

Roma, 13 settembre 2007