Cina: Della Vedova, Governo segua linea Merkel e sostenga la dissidenza

Dichiarazione di Benedetto Della Vedova, presidente dei Riformatori Liberali e deputato di Forza Italia:

“Le speranze di successo – parziale e nell’immediato poco più che simbolico – della protesta degli oltre mille intellettuali, sottoscrittori della lettera aperta al governo cinese, dipendono in larghissima misura dal riscontro che essa riceverà da parte dei governi dei paesi democratici e dei maggiori partner politicili e commerciali di Pechino.

Non è un caso che i dissidenti abbiano scelto di pubblicare la lettera in coincidenza con la visita in Cina del premier tedesco Angela Merkel. Il governo tedesco ha adottato una linea netta, sostenendo ripetutamente la causa di quanti all’interno e all’esterno del paese lottano per una evoluzione democratica della società e dello stato.

Al contrario, il governo italiano si è purtroppo distinto per il sostegno alla richiesta di abolizione dell’embargo europeo alla vendita di armi a Pechino. Il nostro paese ha il dovere di operare una vera e propria svolta nei rapporti con la Cina e di seguire la linea Merkel, una condotta che non pregiudica le chance delle aziende italiane sul mercato cinese, ma che persegue un essenziale obiettivo geopolitico, da cui dipendono le sorti dell’ordine mondiale dei prossimi decenni”.


Autore: Benedetto Della Vedova

Nato a Sondrio nel 1962, laureato alla Bocconi, economista, è stato ricercatore presso l’Istituto per l’Economia delle fonti di energia e presso l’Istituto di ricerca della Regione Lombardia. Ha scritto per il Sole24Ore, Corriere Economia, Giornale e Foglio. Dirigente e deputato europeo radicale, è stato Presidente dei Riformatori Liberali. Presidente di Libertiamo, è stato capogruppo di Futuro e Libertà per l'Italia alla Camera dei Deputati. Attualmente, è senatore di Scelta Civica per l'Italia.

Comments are closed.