Regioni  non boicottino le liberalizzazioni

Dichiarazione di Benedetto Della Vedova, presidente dei Riformatori Liberali e deputato di Forza Italia

Se in Italia il carburante costa mediamente di più che nel resto dell’Europa, la risposta non può che essere di mercato. Ed una risposta di mercato passa attraverso una liberalizzazione della rete distributiva, che le Regioni – per la quasi totalità in mano al centro-sinistra – non devono ostruzionisticamente boicottare e una riduzione (non puramente simbolica) della pressione fiscale.
Servono entrambi gli strumenti. La liberalizzazione da sola non basta, anche perché la componente fiscale del prezzo del carburante è di gran lunga superiore a quella derivante dalla scarsa concorrenza nella distribuzione.
Qualcuno sostiene, con ragione, che l’apertura del mercato dei carburanti ai giganti della grande distribuzione finirebbe per avvantaggiare essenzialmente le cooperative rosse. Ma per impedire che l’unico campione nazionale della grande distribuzione rimanga quello legato alla storia ex comunista, e che sia il solo a trarre vantaggio dalle “piccole liberalizzazioni” di Bersani (dai farmaci ai carburanti), deve intervenire l’Antitrust, anche vigilando sui rapporti tutt’altro che trasparenti fra cooperative, regioni e enti locali. Non ha invece alcun senso bloccare le liberalizzazioni e danneggiare i consumatori.

Roma, 7 agosto 2007