Categorized | Archivio Multimedia

Promozioni, Valtellina contro Aosta

Sondrio accusa: uno scandalo lo squilibrio di risorse peri il territorio

di Antonia Marsetti dal Sole 24 Ore del 31 luglio 2007 pag. 19

Valtellina contro Valle d’Aosta. E ormai guerra dichiarata tra la provincia lombarda e la regione autonoma che ha stanziato 26 milioni di euro per una campagna pubblicitaria sulle etichette delle bevande a marchio Heineken (16 milioni).

«Uno scandalo», gridano dalla valle dell’Adda dove per farsi pubblicità ogni anno gli operatori si trovano a raschiare il fondo del barile. Ma la goccia che ha fatto traboccare il vaso e che ora vede sulle barricate le associazioni di categoria e la notizia che oltre a finanziare la promozione turistica del proprio territorio (con un marchietto stampato sul retro delle bottiglie) la Valle d’Aosta garantirà altri 10 milioni di euro (di cui 4 in mutui) attraverso l’ingresso della Regione in una società della multinazionale per mantenere e ampliare lo stabilimento di Pollein che produce la birra Dreher.
Benedetto Della Vedova, parlamentare valtellinese dei Riformatori liberali eletto nelle fila di Forza Italia non ci ha visto più e ha posto la questione alla Camera, presentando anche un’interrogazione ai ministri degli Affari costituzionali e delle Politiche comunitarie e coinvolgendo l’economista Renato Brunetta euro deputato che a sua volta ha posto la questione al parlamento europeo.
«Questa vicenda mette in luce quale intollerabile disparita di trattamento si verifichi nelle varie aeree del Paese – tuona Della Vedova – a seconda che esse siano, o no, inserite in un contesto di “autonomia speciale”; la disparita di condizioni normative e la diversa capacità di spesa non introduce meccanismi di federalismo competitivo, ma elementi di distorsione e grave squilibrio».
Della Vedova chiede dunque al Governo «se gli accordi tra Regione Autonoma Valle d’Aosta e gruppo Heineken non configurino alcun tipo di illecito o irregolarità sotto il profilo amministrativo e contabile e se un uso così spregiudicato delle risorse e (eventualmente) dei poteri derivanti dall’autonomia regionale non comporti una posizione di indebito vantaggio della Valle d’Aosta a danno di altre aree del Paese e quindi non introduca elementi di competizione sleale».
Una domanda a cui gli imprenditori valtellinesi hanno gia dato una risposta. «Qui bisogna intervenire in modo serio e dobbiamo farlo tutti insieme» afferma EmanueleBertolni presidente dell’ente camerale di Sondrio. «Questo è uno spreco di danaro pubblico che va stigmatizzato, in un periodo in cui non si fa che parlare di tagli – gli fa eco Corrado Fabi, presidente dell’Unione industriali di Sondrio -. Porrò anch’io la questione sia a livello regionale che nazionale e nel frattempo niente più birra in tavola, ma solo vino valtellinese».


Comments are closed.