Il bacio in luogo pubblico è reato?

O è reato se a farlo sono due gay?

Di Luca Bagatin

Apprendo una sconvolgente notizia: due ragazzi gay, rispettivamente di 27 e 28 anni si stavano BACIANDO davanti al Colosseo !!!!
Chiaramente sono stati fermati dai carabinieri e portati in caserma del Celio ieri notte a Roma e denunciati per atti osceni il luogo pubblico.

Ci sarebbe da sorridere se non vi fosse da piangere. Eh sì, cari miei, perché già il baciarsi in luogo pubblico di per sé a volte urta la sensibilità dei "benpensanti" (che evidentemente non hanno nulla di meglio che "benpensare" ed impicciarsi maliziosamente degli affari altrui), figuriamoci se a farlo sono due omosessuali.

Evidentemente l’amore scandalizza ancora.
Evidentemente desta meno disgusto vedere al telegiornale corpi martoriati, foto di ragazzine stuprate e/o apprendere dell’ennesima fuga di gas che ha fatto saltare un intero palazzo.
Evidentamente la "razza umana" spesso chiama e ama il sangue, la morte e la violenza.

Evidentemente preferiamo lasciarci attrarre da tutto ciò che arreca danno agli altri piuttosto che compiacerci del loro star bene, del loro voler e volersi bene.

Evidentemente poi nel cervello coviamo ancora il tabù che chi è portatore dell’organo genitale maschile lo deve utilizzare unicamente per fonderlo a quello femminile e non per altri utilizzi che la nostra (mal)educazione classica giudicherebbe "blasfemi", degni della Sodoma e Gomorra di bibilica memoria.

Evidentemente se financo due donne si baciassero taluni le giudicherebbero addirittura eccitanti se non "lubriche".
Mi chiedo quanta sessuofobia e quanto sessismo aneli le povere menti malate della società italica tanto che se fosse vivo l’esimio Dottor Freud avrebbe tanto pane per i suoi denti da sfamare l’intero Terzo e Quarto Mondo.

Mi chiedo poi il perché le forze dell’ordine si interessino oggi al vecchio articolo 527 del codice PENale che punisce il reato di atti osceni in luogo pubblico e se ne freghino altamente del vero degrado delle nostre città che vede sempre più spesso dilagare il malaffare e la criminalità agli angoli della strada con furti e rapine d’ogni genere, nonché bottiglie di birra lasciate a terra, panchine divelte nei parchi, atti vandalici ovunque.

"Non si tratta di una questione di omosessualità , ma di legalità", ha detto all’agenzia di stampa Reuters il colonnello dei carabinieri, Alessandro Casarsa e ha proseguito affermando: "Di fronte alla palese violazione della norma che tutela un luogo pubblico visitato ogni giorno da migliaia di persone, i due sono stati denunciati a piede libero, così come succede a qualsiasi coppia o singolo che si comporta nella stessa maniera".

Evidentemente, il volersi bene, l’amarsi, per le forze dell’ordine è un reato. Ed allora il male e la violenza trionfino pure bellamente.


Comments are closed.