Pensioni: Della Vedova, Il Sindacato non detti contro-riforma a Parlamento, no ai veti extraistituzionali

Il costo della proposta-Prodi è una “variabile indipendente”?

Dichiarazione di Benedetto Della Vedova, presidente dei Riformatori Liberali e deputato di Forza Italia:

Quanti per i cinque anni di Governo Berlusconi hanno passato il tempo a dare lezioni di bon ton istituzionale alla maggioranza stanno realizzando, sulla materia delle pensioni, un vero e proprio esproprio delle prerogative del Parlamento. E’ in corso una trattativa, da tutti smentita, sulla proposta-Prodi che coinvolge chiunque, fuorché quanti sono chiamati ad approvarla: i parlamentari. Nella peggiore delle ipotesi, se la maggioranza troverà una quadra con il sindacato, e non si sfascerà definitivamente sulla questione dello scalone, arriverà alla “ratifica” delle Camere una proposta blindata e inemendabile. L’altro aspetto inquietante di questa vicenda è che il costo della contro-riforma è considerato una variabile indipendente; talmente indipendente da non essere neppure previsto nel DPEF. Se fossero confermate le indiscrezioni di oggi, la sola attenuazione dei primi due “gradini” (tra l’inizio del 2008 e la metà del 2009) costerà oltre 2 miliardi di euro, senza considerare le deroghe per alcune categorie, che sono state annunciate e che saranno sicuramente previste, e senza considerare nel medio lungo periodo gli effetti della ormai famosa “quota 96”. Roma, 12 luglio 2007.

Fonte Radioradicale.It Licenza 2.5 Ita


Autore: Benedetto Della Vedova

Nato a Sondrio nel 1962, laureato alla Bocconi, economista, è stato ricercatore presso l’Istituto per l’Economia delle fonti di energia e presso l’Istituto di ricerca della Regione Lombardia. Ha scritto per il Sole24Ore, Corriere Economia, Giornale e Foglio. Dirigente e deputato europeo radicale, è stato Presidente dei Riformatori Liberali. Presidente di Libertiamo, è stato capogruppo di Futuro e Libertà per l'Italia alla Camera dei Deputati. Attualmente, è senatore di Scelta Civica per l'Italia.

Comments are closed.