Giustizia: Della Vedova, Da Anm ennesima chiusura corporativa contro l’autonomia del legislatore

Dichiarazione di Benedetto Della Vedova, presidente dei Riformatori Liberali e deputato di Forza Italia:

Io non comprendo perché l’Associazione Nazionale Magistrati abbia scelto di attaccare il ddl Mastella, dopo avere ottenuto di sospendere e poi di smontare la riforma dell’ordinamento giudiziario approvata nella scorsa legislatura.
Per parte mia, se sul piano del merito condivido in pieno le critiche dell’Unione delle Camere Penali e del Presidente Dominioni, sul piano del metodo rilevo che ci troviamo di fronte all’ennesima chiusura corporativa della rappresentanza sindacale dei magistrati, e, perfino, dinanzi alla richiesta di limitare gli interventi emendativi del Parlamento, ritenuti, a priori, ulteriormente “peggiorativi”. Una ragione in più, dal mio punto di vista, per sostenere la mobilitazione dei penalisti italiani.

Roma, 3 luglio 2007


Autore: Benedetto Della Vedova

Nato a Sondrio nel 1962, laureato alla Bocconi, economista, è stato ricercatore presso l’Istituto per l’Economia delle fonti di energia e presso l’Istituto di ricerca della Regione Lombardia. Ha scritto per il Sole24Ore, Corriere Economia, Giornale e Foglio. Dirigente e deputato europeo radicale, è stato Presidente dei Riformatori Liberali. Presidente di Libertiamo, è stato capogruppo di Futuro e Libertà per l'Italia alla Camera dei Deputati. Attualmente, è senatore di Scelta Civica per l'Italia.

Comments are closed.