Liberalizzazioni/Dias: Della Vedova, nessun colpo di mano, ma rispetto interesse consumatori

Replica di Benedetto Della Vedova al presidente dell’Associazione Librai Italiani, che ha definito “un colpo di mano” l’approvazione dell’emendamento Della Vedova sulla liberalizzazione degli sconti sul prezzo dei libri:

“L’approvazione del mio emendamento sulla liberalizzazione degli sconti sul prezzo dei libri non è un colpo di mano, ma una tardiva presa d’atto di quanto più volte denunciato dall’Antitrust negli ultimi anni. I vincoli sugli sconti sul prezzo dei libri penalizzano i consumatori e deprimono i volumi di vendita del settore, contribuendo a fare dell’Italia il fanalino di coda dell’Europa (e non solo) in termini di libri letti pro-capite.

Ogni volta che si introducono elementi di liberalizzazione e di concorrenza, chi gode di una posizione di rendita invoca la specificità del settore in cui opera. Sono convinto che l’obiettivo del legislatore sia quello di favorire i consumatori attraverso la concorrenza. Nel caso specifico, l’obiettivo deve essere quello di aumentare il numero dei libri venduti e la platea dei lettori. Questo non danneggia assolutamente librai ed editori, anzi: la possibilità di praticare sconti sui prezzi non può che portare ad un aumento della vendite.”


Autore: Benedetto Della Vedova

Nato a Sondrio nel 1962, laureato alla Bocconi, economista, è stato ricercatore presso l’Istituto per l’Economia delle fonti di energia e presso l’Istituto di ricerca della Regione Lombardia. Ha scritto per il Sole24Ore, Corriere Economia, Giornale e Foglio. Dirigente e deputato europeo radicale, è stato Presidente dei Riformatori Liberali. Presidente di Libertiamo, è stato capogruppo di Futuro e Libertà per l'Italia alla Camera dei Deputati. Attualmente, è senatore di Scelta Civica per l'Italia.

Comments are closed.