Telecom: Della Vedova, Ha ragione Bertinotti, discutiamo in Parlamento

Non so se il Presidente della Camera abbia ragione quando dice che “è stato evitato il peggio” nella vicenda Telecom. Probabilmente per Bertinotti il “peggio” erano gli “amerikani”. Io penso al contrario che peggio di così difficilmente potesse andare, in termini di interventismo governativo tanto negato quanto praticato e in termini di immagine disastrosa dell’Italia come luogo in cui investire.
Ha invece ragione Bertinotti, a mio avviso, nel prefigurare una discussione “ai massimi livelli parlamentari” sulle strategie industriali del paese.

Sarà il momento per fare chiarezza su quanto accaduto nella vicenda Telecom, ma sarà anche il momento per mettere a confronto coloro che – in moltissimi nel governo e nella maggioranza – inseguono un modello economico chaveziano e coloro che si riconoscono, per fare un esempio, in quanto scritto oggi sul Corriere dal prof. Mario Monti, cioè in un’economia di mercato aperta e non inquinata da continue e per di più “segrete” e “negate” interferenze statali.
Infine, oggi presenterò la preannunciata interrogazione parlamentare al Ministro Padoa Schioppa sulla telefonata al Presidente di Generali Bernheim.


Autore: Benedetto Della Vedova

Nato a Sondrio nel 1962, laureato alla Bocconi, economista, è stato ricercatore presso l’Istituto per l’Economia delle fonti di energia e presso l’Istituto di ricerca della Regione Lombardia. Ha scritto per il Sole24Ore, Corriere Economia, Giornale e Foglio. Dirigente e deputato europeo radicale, è stato Presidente dei Riformatori Liberali. Presidente di Libertiamo, è stato capogruppo di Futuro e Libertà per l'Italia alla Camera dei Deputati. Attualmente, è senatore di Scelta Civica per l'Italia.

Comments are closed.