Liberiamo Kareem! Manifestazione a Roma

“Dichiaro di rifiutare qualsiasi legge che non rispetti i diritti dell’individuo e la libertà personale”. Per questa dichiarazione, nonché per aver espresso altre opinioni “pericolose” in merito alla tolleranza religiosa e all’uguaglianza tra i sessi, in Egitto, lo studente ventiduenne Abdul Kareem Suleiman, ossia Kareem Amir, è stato condannato a quattro anni di carcere con l’accusa di avere insultato il presidente egiziano e la religione islamica. Il ricorso in appello ha confermato la sentenza e l’accusa ha ostacolato il lavoro degli avvocati di Kareem, che lo difendono a titolo gratuito. La sua famiglia lo ha pubblicamente disconosciuto e il padre ha invocato l’applicazione della sharia (legge islamica). Per aver difeso i principi della libertà di parola, lo Index of Censorship ha insignito Kareem del Premio Hugo Young per il Giornalismo per il 2007, mentre il PEN Club britannico lo ha eletto membro onorario dell’organizzazione. Quasi 6.000 persone hanno sottoscritto petizioni e inviato lettere al governo egiziano e al Dipartimento di Stato degli Stati Uniti chiedendo il rilascio di Kareem. Il caso di Kareem, quasi ignorato dai media italiani, è stato invece intensamente seguito da maggiori media del mondo. Il 27 aprile, a Roma, in piazza Montecitorio, a partire dalle ore 10, un piccolo gruppo di persone che hanno a cuore i diritti degli individui si unirà agli svariati drappelli che, in altre capitali, testimonieranno solidarietà a Kareem Amer e chiederanno alle autorità politiche di adoperarsi per la sua liberazione. Per informazioni, alberto.mingardi@gmail.com o sharonnizza@gmail.com Informazioni sulla campagna


Comments are closed.