Telecom: Della Vedova, da Prodi irresponsabile politica protezionista e nazionalista

“La politica del Governo e della maggioranza sulla questione Telecom – dal “piano Rovati” alle assurde interferenze e minacce di questi ultimi giorni – è stata e, temo, continuerà ad essere del tutto irresponsabile. Il crescendo di ostilità nei confronti della AT&T ha alla fine ottenuto ciò si prefiggeva: la fuga degli “amerikani”. Ma con questo clima da “incertezza regolatoria” si otterrà la fuga non solo dei capitali internazionali, ma anche di quelli nazionali.
Da mesi sosteniamo che il Governo si muove, in particolare sulla telefonia, con piglio chaveziano. Al populismo si aggiungono ora protezionismo e nazionalismo economico: un ulteriore salto di qualità.

I danni per l’economia italiana e per – come si continua a ripetere – la sua “principale azienda” sono gravissimi, in termini diretti ed indiretti: chi pagherà i danni? E’ presto detto: in primo luogo, azionisti, dipendenti e consumatori. E poi l’industria italiana in generale, che avrebbe potuto avvantaggiarsi di un rilancio industriale e tecnologico del principale operatori tlc.

Dal ritiro di AT&T mi auguro che la politica tragga l’insegnamento della neutralità rispetto alle scelte delle aziende. Per questo troviamo stonato anche il “tifo” manifestato oggi dal Presidente della Commissione Attività Produttive della Camera in favore di uno dei possibili acquirenti. Avere opinioni è sacrosanto, ma chi ricopre incariche istituzionali è bene che le tenga per sé, se no torniamo al punto di partenza.”


Autore: Benedetto Della Vedova

Nato a Sondrio nel 1962, laureato alla Bocconi, economista, è stato ricercatore presso l’Istituto per l’Economia delle fonti di energia e presso l’Istituto di ricerca della Regione Lombardia. Ha scritto per il Sole24Ore, Corriere Economia, Giornale e Foglio. Dirigente e deputato europeo radicale, è stato Presidente dei Riformatori Liberali. Presidente di Libertiamo, è stato capogruppo di Futuro e Libertà per l'Italia alla Camera dei Deputati. Attualmente, è senatore di Scelta Civica per l'Italia.

Comments are closed.