AT&T: Della Vedova, Ritiro sconfitta economia italiana

Dichiarazione di Benedetto Della Vedova, Presidente dei Riformatori Liberali e deputato di Forza Italia

Se rispondesse al vero il ritiro di AT&T dall’offerta per Olimpia/Telecom, non si potrà che registrare una sconfitta per il l’economia italiana, nei suoi aspetti finanziari ed industriali.
Che l’offerta “tex-mex”, sicuramente foriera di prospettive interessanti sotto il profilo industriale e finanziario per Telecomitalia, potesse essere sconfitta da un rilancio di altri soggetti faceva parte del gioco.
Ma che AT&T si ritiri dopo essersi così tanto esposta, quali che ne siano le ragioni, è un segnale assai negativo.
Soprattutto per la politica e per il Governo Prodi, che in queste settimane si sono mossi come morsi dalla tarantola statalista, dirigista e veteronazionalista. Quali che saranno le ragioni ufficiali del ritiro, il fatto che il Governo si sia mosso in modo esplicito per ostacolare AT&T resterà come un macigno; che peserà anche sul futuro dell’azienda.
Da oggi, comunque, la credibilità dell’Italia come paese in cui investire esce pesantemente indebolita.


Autore: Benedetto Della Vedova

Nato a Sondrio nel 1962, laureato alla Bocconi, economista, è stato ricercatore presso l’Istituto per l’Economia delle fonti di energia e presso l’Istituto di ricerca della Regione Lombardia. Ha scritto per il Sole24Ore, Corriere Economia, Giornale e Foglio. Dirigente e deputato europeo radicale, è stato Presidente dei Riformatori Liberali. Presidente di Libertiamo, è stato capogruppo di Futuro e Libertà per l'Italia alla Camera dei Deputati. Attualmente, è senatore di Scelta Civica per l'Italia.

Comments are closed.