“Le parole dei Ministri Damiano e Ferrero non lasciano spazio ai dubbi: il Governo intende abolire lo “scalone”, senza introdurre alcuna misura di efficace penalizzazione per le pensioni di anzianità a 57 anni.

Di fronte a questo arretramento irresponsabile rispetto alla Legge Maroni, si rende necessaria la più risoluta delle opposizioni, tanto attraverso una dura battaglia parlamentare fino all’ostruzionismo quanto con una massiccia mobilitazione, in particolare delle più giovani generazioni.”