Finanziaria: Della Vedova, Parlamento espropriato su tassazione risparmio

Dichiarazione di Benedetto Della Vedova, presidente dei Riformatori Liberali e deputato di Forza Italia

Indiscrezioni sempre più credibili del Sole 24 ore, non smentite dall’esecutivo, rivelano l’intenzione del governo di procedere all’approvazione della delega sul cosiddetto riordino delle imposte sui redditi da capitale con un emendamento presentato in extremis alla legge di conversione del decreto fiscale, da approvarsi con il voto di fiducia.
Il Parlamento sarebbe così espropriato non solo del potere di decidere sull’aumento delle aliquote, perchè la delega lascia ampi e incontrollati margini di decisione al governo, ma perfino della facoltà di discutere e di orientare i contenuti della delega.
Così di un aumento del 60% della tassazione sul risparmio rischia di non rimanere neppure traccia nelle discussioni del Parlamento. Non so se esistano precedenti di un comportamento così clamorosamente anti-istituzionale. E prendo atto che la mia denuncia del disegno del governo nell’aula della Camera ha registrato solo il silenzio imbarazzato dell’esecutivo.


Autore: Benedetto Della Vedova

Nato a Sondrio nel 1962, laureato alla Bocconi, economista, è stato ricercatore presso l’Istituto per l’Economia delle fonti di energia e presso l’Istituto di ricerca della Regione Lombardia. Ha scritto per il Sole24Ore, Corriere Economia, Giornale e Foglio. Dirigente e deputato europeo radicale, è stato Presidente dei Riformatori Liberali. Presidente di Libertiamo, è stato capogruppo di Futuro e Libertà per l'Italia alla Camera dei Deputati. Attualmente, è senatore di Scelta Civica per l'Italia.

Comments are closed.