Fisco: Della Vedova, Da misure Visco effetti negativi

Dichiarazione di Benedetto Della Vedova, Presidente dei riformatori Liberali e deputato di  Forza Italia.
Vincenzo Visco ha lanciato la sua crociata contro gli evasori ma è chiaro fin d’ora quale ne sarà l’esito: qualche diligente servizio dei telegiornali su quel bar chiuso o quel dentista arrestato, ma per il resto a beneficiare delle 55 misure antievasione saranno proprio gli evasori.
Mentre i contribuenti regolari saranno ulteriormente vessati da obblighi burocratici assurdi, infatti, gli evasori troveranno tra i cittadini il clima ideale per l’evasione: la crescente avversione nei confronti di un fisco vampiresco e da stato di polizia.
Come insegna l’esperienza recente, la strategia vincente per allargare la base imponibile e aumentare il gettito è quella della diminuzione delle aliquote. Visco si muove nella direzione opposta, operando scelte ispirate ad una cultura veterosocialista che produrrà esasperazione antifisco e antistato con risultati modesti se non negativi sul fronte delle entrate.


Autore: Benedetto Della Vedova

Nato a Sondrio nel 1962, laureato alla Bocconi, economista, è stato ricercatore presso l’Istituto per l’Economia delle fonti di energia e presso l’Istituto di ricerca della Regione Lombardia. Ha scritto per il Sole24Ore, Corriere Economia, Giornale e Foglio. Dirigente e deputato europeo radicale, è stato Presidente dei Riformatori Liberali. Presidente di Libertiamo, è stato capogruppo di Futuro e Libertà per l'Italia alla Camera dei Deputati. Attualmente, è senatore di Scelta Civica per l'Italia.

Comments are closed.