Il cretino di sinistra lavora indefesso. Sì è accorto che la prima versione della sua “tassa sul gusto