Intesa-San Paolo: Della Vedova, Ci sono ancora interrogativi

Dichiarazione di Benedetto Della Vedova, presidente dei Riformatori Liberali e deputato di Forza Italia:

“Il coro unanime di consensi per la fusione si limita ad una valutazione positiva del dato dimensionale del nuovo soggetto. Un po’ poco.
In realtà, l’operazione cui danno corso Intesa e San Paolo Imi lascia aperti almeno tre interrogativi.

Anzitutto, lo scopo della fusione, che ha tutta l’aria di essere una mossa difensiva – non di apertura al mercato ma di protezione – dei rispettivi management, timorosi che il nuovo corso in via Nazionale avrebbe lasciato i gruppi (Intesa in particolare) nelle condizioni di subire un’acquisizione da parte dei colossi internazionali, in particolare di quelli già presenti nelle due banche.

Secondo elemento, va chiarito quale sarà il ruolo delle fondazioni bancarie (che con il loro 22% rappresenteranno il primo azionista), delineando così la possibilità di un’influenza della politica (orientata verso il centro-sinistra) nel nuovo gruppo.

Terzo, un giudizio sulla fusione non può prescindere dalla valutazione di quale sia – se vi è – il piano industriale sottostante all’operazione, quale la strategia immaginata per garantire un aumento dell’efficienza e della capacità di competere nel mercato internazionale.
Perché l’aggregazione abbia successo, ad esempio, sarà necessario procedere ad una razionalizzazione che comporterà, inevitabilmente, la cessione di sportelli e riduzioni del personale. La fredda reazione dei sindacati all’annuncio di ieri dimostra che il problema sussiste.
Sul tema dell’efficienza, d’altronde, un recente working paper della Banca d’Italia ha dimostrato, dati alla mano, che i processi di concentrazione registrati nel sistema bancario italiano a partire dagli anni Novanta hanno prodotto pochi o nulli guadagni di efficienza


Autore: Benedetto Della Vedova

Nato a Sondrio nel 1962, laureato alla Bocconi, economista, è stato ricercatore presso l’Istituto per l’Economia delle fonti di energia e presso l’Istituto di ricerca della Regione Lombardia. Ha scritto per il Sole24Ore, Corriere Economia, Giornale e Foglio. Dirigente e deputato europeo radicale, è stato Presidente dei Riformatori Liberali. Presidente di Libertiamo, è stato capogruppo di Futuro e Libertà per l'Italia alla Camera dei Deputati. Attualmente, è senatore di Scelta Civica per l'Italia.

Comments are closed.