Dichiarazione di Marco Taradash, portavoce Riformatori Liberali

“La decisione del consiglio dei ministri di chiedere (se necessario, quindi di chiedere) la fiducia al Senato sul rifinanziamento della missione in Afgahanistan, è un atto di saggezza e di responsabilità da parte del Governo. Non avere una maggioranza autonoma sulla politica estera sarebbe infatti condizione sufficiente e necessaria per le dimissioni in qualsiasi paese del mondo democratico.
Mi auguro che altrettanta saggezza e responsabilità ritrovi l’opposizione. Poniamo caso che alla fine il Prodi decidesse di non porre la questione di fiducia: sarebbe allora un atto illogico e autolesionista da parte dell’opposizione un voto di sostegno a un Governo senza maggioranza, come da alcuni ipotizzato; e anche una assenza dal voto, come ieri ventilato, si tradurrebbe di fatto nel salvataggio del governo Prodi.
Il voto bipartisan sugli impegni di politica internazionale è una cosa seria. Ma a un patto: che maggioranza di Governo e opposizione condividano quella politica. Ma se il Governo non è in grado di esprimere una maggioranza l’opposizione ha un solo dovere: costringerlo alle dimissioni. Così fan tutti, nelle democrazie.
Oltretutto sulla politica estera nel suo complesso non solo non vi è accordo bipartisan fra Governo e opposizione ma c’è al contrario un contrasto insanabile. L’